Panettone o Pandoro? No! Panone Bolognese

Dolce della tradizione contadina della provincia di Bologna, più precisamente della Bassa Bolognese. Il panone bolognese, nasce in effetti nella fascia fra Minerbio, Budrio e Molinella, laddove per una serie di contaminazioni, un po’ ferraresi e un po’ bolognesi, nel tempo si consolidò la produzione casalinga di questo dolce particolare che si faceva prima delle feste natalizie.

Era uso farlo in casa, ma si cuoceva nei forni a legna dei fornai, da qui anche la dizione “panone”. Se ne facevano parecchi “pezzi” in teglie, più o meno grandi, che in parte venivano regalate come doni di Natale, e in parte consumate anche dopo Natale, data la sua capacità di mantenersi nel tempo. (E non confondetelo con il Certosino!)

La frutta secca si fonde con il miele, la mostarda ed il cioccolato ed il cacao; il vino e l’archermes danno loro il colpo di grazia perché tutto vada giù facile facile e buono…buono, buono da morire.  Affatto stucchevole.

Ingredienti:

  • 500gr farina
  • 250gr zucchero
  • 200gr uva sultanina
  • 150gr mandorlepelate
  • 100gr cioccolato fondente
  • 100gr mostarda bolognese
  • 100gr miele
  • 50gr pinoli
  • 50gr scorza d’aranciacandita
  • 30gr cacao amaro
  • 350ml latte
  • 50ml vino bianco
  • 1 bustina lievito

 

Procedimento:

In una ciotola impastare la farina, latte, zucchero, uva sultanina (precedentemente ammorbidita in acqua tiepida), cioccolato fondente a pezzetti, cacao amaro, mostarda, miele, vino, scorza d’arancia a pezzetti, 2/3 delle mandorle pelate e 2/3 dei pinoli.

Mescolare accuratamente e poi lasciare riposare l’impasto per un paio d’ore.

Poi aggiungere il lievito, setacciandolo e amalgamando tutto bene.

Versare l’impasto in uno stampo ben imburrato di solito rettangolare, decorare con le mandorle e i pinoli rimanenti.In forno per circa un’ora a 180°.