Scoprire Bologna: il mercato delle erbe

Il Mercato delle Erbe di Bologna, nella sua forma attuale, fu progettato nel 1910 da Arturo Carpi e Luigi Mellucci. All’interno dell’edificio presero posto le “treccole”, tipiche bancarelle di generi alimentari, spostate in via definitiva da Piazza Maggiore.

Riaperto nel 1949, dopo i pesanti bombardamenti della seconda guerra mondiale, il Mercato delle Erbe cambia fisionomia, adattandosi alla zona circostante, ricostruita a sua volta. L’ingresso principale, da via S. Gervasio viene posto in Ugo Bassi, assieme all’omonia statua. Dopo la ristrutturazione del 2014 il Mercato si affianca alle tradizionali bancarelle e negozi, ristoranti, enoteche, punti di incontro, frequentati da migliaia di persone, turisti inclusi.

Al Mercato delle Erbe potete fare la spesa di prodotti di prima qualità dalle 7.00 del mattino fino a sera o fermarvi a mangiare e bere  in uno dei piccoli ristoranti o punti street food che lo hanno reso uno dei luoghi di ristoro più popolari di Bologna. Potrete trovare carne, pesce, alternative vegetariane e molto altro!