Tortellino al Pollo? È polemica

Ieri l’Arcivescovo e futuro cardinale Zuppi ha annunciato che venerdì, in occasione di San Petronio, sarà proposto un tortellino “dell’accoglienza”, senza la tradizionale carne di maiale nel ripieno, con al suo posto pollo, per permettere a tutti di poter assaggiare la prelibatezza bolognese.

Ad annunciarlo sono proprio le sfogline, chiamate a realizzarlo venerdì prossimo in piazza Maggiore davanti a San Petronio in occasione della festa del Patrono; con questa preparazione potranno mangiarlo sia coloro che, per motivi religiosi, non possono mangiare carne di maiale, sia coloro che preferiscono stare leggeri.

Il ripieno dell’integrazione sarà composto da carne di pollo, ricotta, parmigiano e uova. Inutile dire che questa scelta ha scatenato reazioni indignate dai puristi del tortellino, che la tradizione vuole ripieno di carni di maiale (lombo, prosciutto e mortadella) con parmigiano reggiano, uova e noce moscata.

A placare la polemica si colloca il Festival del Tortellino, in programma domenica 6 a Palazzo Re Enzo, dove gli chef cittadini rivisitano la celebre ricetta: gli organizzatori hanno dichiarato che la cucina è condivisione e integrazione, quindi ben venga un tortellino “diverso”.

Favorevoli o contrari, tutti possono essere d’accordo sul fatto che un piatto di tortellini risolve qualsiasi diatriba!