Alla scoperta di Pieve di Cento

Pieve di Cento (Pîv ed Zent in dialetto bolognese) è un borgo  situato lungo il corso di pianura del fiume Reno, nel punto in cui esso lo divide dalla Provincia di Ferrara. Il  suo nome testimonia del fatto che sia stato fino al 1929 in provincia di Ferrara, infatti in origine costituiva la pieve (ossia la chiesa parrocchiale) di Cento, che ne era sprovvista.

Viene chiamata anche “piccola Bologna”, a causa dei lunghi portici e in ogni dove si può respirare un clima medievale. Particolari sono la Rocca del 1387 e le quattro porte che delimitano il centro, realizzate a metà del XIV secolo, e indicanti i quattro punti cardinali: Porta Asia, Porta Ferrara, Porta Cento e Porta Bologna.

Da visitare è anche il Museo Magi’900, che ci proietta nei nostri tempi, con opere dell’arte e della cultura visiva del XX e XXI secolo. Dal 2018 ha riaperto al pubblico, dopo il sisma del 2012, la Chiesa della Collegiata, dove sono conservati capolavori di Guercino, Guido Reni, Lavinia Fontana, Scarsellino e il famoso Crocifisso del ‘300, venerato come miracoloso.