Alla scoperta degli edifici storici: La Regia Accademia Filarmonica di Bologna

Prosegue il nostro viaggio alla scoperta degli edifici storici di Bologna. Dopo Palazzo della Mercanzia, ci rechiamo oggi alla Regia Accademia Filarmonica di Bologna, in via Guerrazzi 13.

L’Accademia Filarmonica di Bologna venne fondata nel 1666 dal nobile Vincenzo Maria Carrati, con sede nel cinquecentesco palazzo di famiglia. Essa rappresentò sempre un punto di riferimento nella vita culturale bolognese, fino a diventare, nella seconda metà del Settecento, una delle istituzioni più alte della cultura musicale europea, attraverso la guida di Padre Martini.

Dopo l’unità d’Italia, l’Accademia ottenne l’approvazione degli attuali statuti e si trasformò in Regia Accademia Filarmonica di Bologna. La sua fama crebbe in Italia e fuori, gli aspiranti al grado di Maestro compositore crebbero notevolmente e fra loro vi fu anche Mozart che ottenne la patente accademica il 9 ottobre 1770

Durante l’Ottocento l’istituzione accentuò i suoi caratteri di sodalizio onorifico aggregando artisti di grande fama del mondo musicale internazionale: Rossini, Verdi, Wagner, Liszt, Boito, Puccini, Brahms e molti altri. Oggi si dedica a diverse attività, mirante alla diffusione e alla divulgazione della musica, nonché alla formazione e alla ricerca. L’Accademia conserva negli splendidi saloni della propria sede, Palazzo Carrati, un archivio musicale fra i più importanti d’Europa e le preziose collezioni di strumenti antichi e cimeli di grande interesse.

L’offerta concertistica è rappresentata dall’Orchestra Mozart, diretta da Claudio Abbado, una delle compagini più prestigiose del panorama internazionale.

Foto di Diego Ravetti.