Un videogioco per raccontare Bologna

Il Comune ha lanciato un’iniziativa alquanto creativa per promuovere il patrimonio artistico e culturale di Bologna:”Bologna si mette in gioco, Playable Bologna“, aperto fino al 27 novembre, il cui obiettivo è di realizzare un videogioco entro la fine del 2019.

Il bando è aperto a imprese e liberi professionisti di tutta l’Unione Europea, per candidare la propria proposta è necessario iscriversi alla piattaforma per il mercato elettronico della Pubblica Amministrazione (MEPA) dove il bando è stato pubblicato. Gli sviluppatori dovranno partire dagli oggetti delle straordinarie collezioni di tre personaggi chiave della storia della città: il naturalista Ulisse Aldrovandi, il collezionista di meraviglie Ferdinando Cospi e il fondatore dell’Istituto delle Scienze Luigi Ferdinando Marsili, per realizzare un prodotto che permetta a turisti e non di (ri)scoprire la città divertendosi!

Il bando è cofinanziato dal Comune di Bologna e dalla Regione Emilia-Romagna attraverso INCREDIBOL! – l’INnovazione CREativa DI BOLogna, il progetto che sostiene lo sviluppo delle professioni e imprese culturali e creative nascenti, nonché dal Programma per la ricerca e l’innovazione Horizon 2020 dell’Unione Europea tramite il progetto Rock (ROCK Regeneration and Optimisation of Cultural heritage in creative and Knowledge cities), che ha l’obiettivo di favorire la rigenerazione dei centri storici attraverso il patrimonio culturale come motore di sviluppo sostenibile e crescita economica.