Alla scoperta degli edifici storici: Palazzo Pallavicini

Iniziamo una nuova rubrica che vi porta alla scoperta degli edifici storici bolognesi, oggi vi parleremo di Palazzo Pallavicini. È situato in via San Felice, nel cuore della Bologna antica, non lontano dalle due torri e fu costruito nel Quattrocento, ma nel Seicento fu ristrutturato: prima dall’architetto Paolo Canali, che progettò e realizzò lo scalone monumentale ed il salone con soffitto a lanterna, poi nel 1690, quando le sale vennero fastosamente decorate dai dipinti di Giovanni Antonio Burrini.

Verso la metà del Settecento, fu scelto dal Maresciallo  Gian Luca Pallavicini come abitazione e, grazie a quest’ultimo, l’edificio diventò la sede di una corte europea, offrendo uno scenario degno di una reggia: il genovese vi intrecciò rapporti con la diplomazia internazionale, imbandì feste e banchetti, organizzò concerti e ospitò teste coronate. Memorabile fu il concerto del 26 marzo 1770, quando l’allora quattordicenne Mozart si esibì nel salone del Burrini illuminato a festa.

Tanti i personaggi di spicco che hanno attraversato queste stanze, tra cui la principessa Maria Carolina d’Asburgo e l’imperatore d’Austria Giuseppe II. Quando fu ereditato da Giuseppe Pallavicini, il palazzo divenne un cantiere del neoclassicismo d’avanguardia, di altissimo livello.

Per sapere quando visitarlo potete visitare il sito ufficiale: https://www.palazzopallavicini.com/