Bilancio partecipativo 2018: come e quando partecipare

Anche quest'anno torna il bilancio partecipativo, un progetto che il Comune di Bologna mette in atto al fine di realizzare la democrazia diretta e mettere i cittadini al centro dello sviluppo della città. Si tratta di 1 milione di euro in totale, messi a disposizione di sei quartieri, perciò ogni progetto avrà un budget di 150.000 €. Sono proprio gli abitanti a poter proporre le iniziative a cui destinare i fondi e a votarle: quelle con più voti saranno poi realizzati. Il voto è aperto anche a coloro che non sono di Bologna ma vi studiano, lavorano o svolgono attività di volontariato. 

I termini per presentare le proprie proposte sono i seguenti:

  • partecipando agli incontri in programma dal 2 al 16 maggio,
  • Online nell'area dedicata nel sito del comune dal 2 maggio al 4 giugno

Queste sono le aree selezionate per l'anno 2018:

  • Borgo Panigale-Reno: zona Casteldebole (Triumvirato Pietra – Casteldebole)
  • San Donato-San Vitale: zona Croce del Biacco (Guelfa – Croce Del Biacco – Stradelli Guelfi)
  • Santo Stefano: zona Irnerio (Irnerio 2)
  • Navile: zona Corticella (Croce Coperta – San Savino)
  • Savena: zona San Ruffillo (Monte Donato – Via Toscana – Ponte Savena – La Bastia)
  • Porto-Saragozza: zona Costa-Saragozza (XXI Aprile- San Giuseppe – Ravone)

il bilancio partecipativo è uno dei motivi che ha permesso a Bologna di essere candidata al premio Engaged Cities, alla cui premiazione parteciperanno il sindaco Merola e l'assessore Lepore il 16 e il 17 maggio a New York. Il materiale per partecipare all'iniziativa sarà redatto in 7 lingue, per permettere a tutti gli abitanti e non di Bologna di poter dire la propria. Il calendario degli incontri è disponibile a questo link. A giugno e luglio seguiranno degli incontri con tutti coloro che avranno presentato una proposta per poterla progettare al meglio, infine le votazioni saranno aperte settembre.